Affitti brevi, nuovi obblighi: impianti a norma, rilevatori e estintori obbligatori

La grande novità dell’ultima versione dell’emendamento appena depositato dai relatori riguarda le dotazioni degli immobili in locazione turistica. Anzitutto, le case dovranno essere munite «dei requisiti di sicurezza» degli impianti, come prescritti dalla normativa statale o regionale. Accanto a questo, le unità immobiliari dovranno essere dotate dei dispositivi per la rilevazione di gas combustibili e del monossido di carbonio funzionanti. Inoltre, dovranno avere estintori portatili a norma di legge, ubicati in posizioni «accessibili e visibili». Ne servirà uno ogni 200 metri quadri di pavimenti, con un minimo di un estintore per piano. Viene, poi, confermato il varo del nuovo codice identificativo nazionale, che servirà in chiave antievasione e sarà accompagnato da pesanti sanzioni. Il titolare di una struttura turistico ricettiva alberghiera o extra alberghiera, così come chiunque proponga in affitto breve o in locazione per finalità turistiche e sia sprovvisto di Codice identificativo nazionale (Cin), verrà punito con una sanzione che andrà dagli 800 agli 8mila euro in base alle dimensioni della struttura o dell’immobile.