Metti la privacy in valigia

Il Garante per la Privacy ha pubblicato sul proprio sito un Vademecum con informazioni utili sulla protezione di smartphone e tablet, uso di app e social network quando si va in vacanza. Alcuni consigli:
1- sotto il sole estivo, non esporsi troppo con selfie e foto. La protezione soprattutto per i minori. E’ bene essere sempre consapevoli che le immagini dei minori pubblicate on line possono essere gestite da malintenzionati. Non tutti vogliono apparire on line o far sapere dove e con chi si trovano durante le ferie estive. Se si postano foto o video in cui compaiono altre persone, è sempre meglio accertarsi che questi siano d’accordo;
2- geolocalizzati anche in ferie? Per gli amanti della riservatezza che non vogliono far sapere dove trascorrono le vacanze estive, il suggerimento è disattivare le opzioni di geolocalizzazione di smartphone e tablet (se non indispensabili per specifici servizi), oltre a quelle dei social network utilizzati;
3- i “social-ladri” non vanno in vacanza. Postando sui social network informazioni sulle vacanze si potrebbe far sapere che la propria casa è vuota. Il suggerimento è quello di evitare di diffondere on line dati personali, come l´indirizzo di casa o le foto del proprio appartamento;
4- anche in vacanza, è bene controllare le impostazioni privacy dei social network utilizzati, limitando magari la visibilità e la condivisione dei post ai soli amici. In generale, se disponibili, è bene attivare particolari misure di sicurezza come, ad esempio il controllo degli accessi al proprio profilo social o un codice di sicurezza da ricevere via sms o e-mail nel caso si acceda ai social network da dispositivi diversi da quelli abituali. In questo modo è possibile accorgersi in tempo di eventuali accessi abusivi alle proprie pagine social personali e di furti di identità. Durante un viaggio può capitare di utilizzare il pc di un Internet café o una postazione web messa a disposizione dall’albergo per controllare l’e-mail personale o i propri profili social. E’ importante in questi casi ricordare – una volta terminata la consultazione – di “uscire” dagli account, rimuovendo così ogni impostazione che consenta di salvare le proprie credenziali nei browser di navigazione;
5- app-prova di estate. In vacanza molti utenti di smartphone e tablet scaricano film, app per giochi, suggerimenti turistici, etc. Questi prodotti possono anche nascondere virus o malware (cioè, software pericolosi). Per tutelarsi, bisogna scaricare le app dai market ufficiali; leggere con attenzione le descrizioni delle app (se, ad esempio, nei testi sono presenti errori e imprecisioni, c’è da sospettare); consultare eventuali recensioni degli altri utenti per verificare se sono segnalati problemi di sicurezza dei dati nell’uso di una determinata app, di una piattaforma per il download di film, di un sito, etc.; evitare che i minori possano scaricare film, app o altri prodotti informatici da soli, magari impostando limitazioni d’uso sul loro smartphone o creando profili con impostazioni d’uso limitate se usano quello dei genitori.
La miglior difesa anche nel periodo delle vacanze è usare con consapevolezza e attenzione le nuove tecnologie, gestendo con accortezza i dati personali.

Chiudi il menu