Parlamento europeo: il ritiro della patente di guida in un Paese UE dovrà essere valido in tutta l’Unione

  • Categoria dell'articolo:Diritto Industriale
  • Tempo di lettura:1 minuti di lettura

Attualmente, se un conducente perde la patente in conseguenza di un’infrazione stradale commessa in un Paese dell’UE diverso da quello dove è avvenuto il rilascio della patente, la sanzione sarà applicabile nella maggior parte dei casi, solo nel Paese in cui è stata commessa l’infrazione. Le nuove norme invece, una volta adottate definitivamente, faranno sì che la decisione sia imposta al Paese dove la patente è stata rilasciata così da garantire che la sospensione, la restrizione o la revoca della stessa patente di guida sia applicata in tutti i Paesi UE. I deputati propongono di aggiungere la guida senza una patente valida all’elenco delle infrazioni stradali gravi, come la guida in stato di ebbrezza o l’incidente stradale mortale, che fanno scattare l’obbligo di scambio di informazioni sul ritiro della patente. Anche la guida a 50 km/h oltre il limite di velocità dovrebbe rientrare tra le infrazioni gravi che potrebbero comportare il ritiro della patente. I deputati propongono inoltre una soglia più basa per le aree residenziali, per cui superare di 30 km/h il limite di velocità già dovrebbe poter comportare la perdita o la sospensione della patente.