Mantenimento dei figli: i nonni sono obbligati a mantenerli se i genitori sono impossibilitati a farlo

  • Categoria dell'articolo:Diritto di Famiglia
  • Tempo di lettura:2 minuti di lettura

Quando si tratta di procedimenti di separazione o divorzio, spesso capita che il genitore obbligato non versi il mantenimento dovuto ai figli, magari  lamentando difficoltà economiche. In questi casi ci si chiede se sia possibile richiedere tale mantenimento ad altri soggetti, in particolare ai nonni.

La risposta è sì, purché ricorrano determinate condizioni. La norma, inoltre, stabilisce che, quando i genitori non hanno mezzi sufficienti, gli altri ascendenti, in ordine di prossimità, sono tenuti a fornire ai genitori stessi i mezzi necessari affinché possano adempiere i loro doveri nei confronti dei figli. La legge, quindi, individua una responsabilità sussidiaria dei nonni, che hanno un dovere di mantenere i nipoti, ma solo nel caso di impossibilità economica dei genitori. Di conseguenza, ad esempio, se un genitore non paga il mantenimento dovuto ma ha le possibilità economiche per farlo, l’altro non potrà adire l’autorità giudiziaria per chiedere tale mantenimento ai nonni, ma dovrà agire contro l’ex-coniuge. In particolare, dovrà notificargli l’atto di precetto e, nel caso di inadempimento, proseguire con il pignoramento. In tal modo sarà possibile andare a rivalersi sullo stipendio dell’ex-coniuge, pignorabile nel limite di un quinto.
Parimenti, non è possibile richiedere l’assegno di mantenimento ai nonni qualora, nonostante l’inadempimento dell’ex-coniuge, il genitore tenuto a ricevere l’assegno abbia comunque capacità economiche adeguate a mantenere il figlio.