I pagamenti effettuati successivamente al fallimento vanno restituiti con gli interessi

  • Post author:

Cassazione civile sez. un. sentenza 28/05/2015 n.11131

In tema di impugnazione del provvedimento che abbia disposto la sospensione di diritto dalla carica di amministratore locale per condanna penale non definitiva ai sensi dell’art. 11, comma 1, lett. a) della legge Severino (n. 235/2012), la giurisdizione deve essere attribuita al giudice ordinario posto che il provvedimento impugnato, pur avendo natura amministrativa, afferisce all’esercizio del diritto di elettorato passivo in termini di esecuzione del mandato.

Cassazione civile sez. I sentenza 07/05/2015 n.9193

Indipendentemente dall’eventuale responsabilità di una società di revisione verso i soci ed i terzi, la tenuta della contabilità e la formazione del bilancio restano pur sempre attività proprie degli amministratori, i quali debbono provvedervi nel rispetto delle norme di legge e con la diligenza richiesta dalle funzioni esercitate, senza confidare acriticamente sull’operato di terzi, sulla cui attività sono anzi tenuti a vigilare.

Cassazione civile sez. I sentenza 19/03/2015 n. 5523

La facoltà del curatore di sciogliersi dal contratto non compiutamente eseguito, secondo quanto previsto dall’art. 72 R.D. n. 267 del 1942, presuppone che il contratto medesimo sia ancora pendente alla data di dichiarazione del fallimento (nella specie, accertato che il promissario venditore aveva esercitato il proprio diritto di recesso, ai sensi dell’art. 1385, comma 2, c.c., prima della dichiarazione di fallimento della promissaria acquirente, il curatore non poteva agire per ottenere la restituzione della somma trattenuta a titolo di caparra, in quanto alla data del fallimento il preliminare dedotto in giudizio non poteva ritenersi ancora pendente).

Corte di Cassazione, sentenza n. 26501 del 27.11.2013

La Corte di Cassazione con la sentenza in esame ha precisato che a seguito dell’azione proposta dal curatore fallimentare contro il terzo per la restituzione dei pagamenti eseguiti a suo favore dal fallito dopo la dichiarazione di fallimento – azione che ha natura di accertamento dell’inefficacia dei pagamenti medesimi – sugli importi in restituzione sono dovuti gli interessi legali dalle date dei singoli pagamenti.