Il parcheggio del supermercato si considera area aperta al traffico

  • Categoria dell'articolo:Codice della Strada
  • Tempo di lettura:2 minuti di lettura

Corte di Cassazione, sentenza n. 17279 del 23.07.2009

La Suprema Corte con la sentenza in esame ha precisato che l’area di parcheggio di un supermercato si deve ritenere aperta al pubblico e adibita al normale traffico veicolare anche se di proprietà privata e situata al piano interrato di un edificio. Ne consegue che la circolazione all’interno di questa zona è soggetta all’articolo 2054 del codice civile e alle norme sull’assicurazione obbligatoria dei veicoli. Con tale principio la Corte ha accolto il ricorso di un’assicurazione nei confronti di un automobilista. La compagnia, in qualità di impresa designata dal fondo di garanzia per le vittime della strada, aveva risarcito un sinistro avvenuto nel parcheggio di un ipermercato per colpa di un veicolo privo di copertura assicurativa. La società la quindi agito in regresso per ottenere dal conducente colpevole il rimborso di quanto versato. I giudici di merito gli hanno dato torto sostenendo che il parcheggio dove era avvenuto il sinistro doveva essere considerato area privata perché situato nel piano interrato dell’ipermercato. Di opposto avviso la Cassazione per la quale le aree di parcheggio dei supermercati, anche se private quanto alla proprietà al possesso o alla detenzione, “sono ormai luoghi di continuo e intenso traffico veicolare, sicchè non vi è ragione di escludere l’applicazione al loro interno delle norme in tema di circolazione stradale”.