L’evasore fiscale può essere ammesso al beneficio del patrociono gratuito

  • Post author:

Corte di Cassazione, sentenza n. 40589 del 20.10.2009

La Suprema Corte con la sentenza in esame ha precisato che anche l’evasore fiscale può essere ammesso al gratuito patricinio. La Corte di Cassazione con la sentenza in epigrafe ha sancito la riammissione al beneficio del legale gratuito che era stato escluso dal Gip di Potenza per un uomo condannato per evesione fiscale. In particolare per il mancato pagamento dell’Iva. La Corte specifica infatti che, anche dopo l’entrata in vigore del Dpr 115/2002 che, con l’articolo 91, non prevede l’ammissione al gratutito patricinio per i reati di evasione fiscale, l’esclusione non può cnsiderarsi automatica. L’articolo 91, infatti, spiega la Corte si riferisce solo ai reati che sono oggetto del procedimento per il quale è richiesta l’ammissione al patrocinio gratuito. Non era il caso del ricorrente che aveva chiesto l’assistenza gratuita per crimini che spaziavano dalla ricettazione al reato continuato, ma tra i quali non figurava l’evasione dell’Iva.