Sentenza storica e INPS condannato: puoi lavorare occasionalmente anche se vai in pensione prima

  • Categoria dell'articolo:Diritto Previdenziale
  • Tempo di lettura:2 minuti di lettura
Chi beneficia di misure di pensionamento anticipato non ha la possibilità di riprendere eventualmente a lavorare, in quanto la pensione non è cumulabile con i redditi derivanti da attività lavorativa, ad eccezione dei casi in cui si tratti di prestazioni di lavoro autonomo occasionale nel limite di 5 mila euro lordi l’anno. E ciò anche al fine di favorire un ricambio generazionale nel mondo del lavoro.
Qualora si violi tale previsione, l’INPS potrà chiedere la restituzione delle cifre erogate a titolo di pensione.
Recentemente, è intervenuta una sentenza molto interessante del Tribunale di Vicenza, relativa ad un uomo, che all’epoca dei fatti aveva 63 anni, il quale, dopo aver usufruito della Quota 100, aveva interpretato una piccola parte in tv, facendo da comparsa nella serie televisiva “Luce dei tuoi occhi”.
Un’attività divertente, che gli aveva fruttato solo 78 euro lordi, ma che aveva rischiato di fargli perdere molti più soldi.
Pochi mesi dopo, infatti, il pensionato aveva ricevuto un provvedimento dell’Inps di recupero somme percepite su pensione, per un importo che sfiorava i 24.000 euro, con relative trattenute mensili. E ciò sulla base della predetta normativa, che gli impediva di svolgere attività lavorativa. L’uomo aveva quindi proposto ricorso, al fine di non perdere la previdenza di un anno, risultando vittorioso in tribunale.

Gli avvocati del ricorrente, in particolare, hanno sostenuto che l’esperienza di comparsa televisiva fatta non poteva essere considerata un’attività di lavoro subordinato in senso stretto e, quindi, non poteva essere considerata idonea – come sostenuto invece dall’Inps – a violare il divieto di cumulo tra pensione e reddito da lavoro dipendente, previsto dal legislatore per i pensionati con Quota 100.
E questo in particolare perché, come sostenuto dai suoi legali, l’uomo aveva interpretato il ruolo di un passante in un’unica scena, girata in un solo giorno. Sulla base di tale pronuncia, quindi, l’uomo ha mantenuto il diritto alla pensione, pur avendo lavorato come comparsa, proprio per il carattere isolato dell’avvenimento.