Transazione fiscale: un aiuto concreto per gli imprenditori

  • Autore dell'articolo:

L’Istituto della transazione fiscale è regolato all’art. 182 ter l.f. e rappresenta un aiuto concreto all’imprenditore per salvare la propria azienda permettendogli di partecipare attivamente alla ristrutturazione del debito.

Con la transazione fiscale l’imprenditore potrà trarre come beneficio il consolidamento del proprio debito e veder chiusi tutti i rapporti con il Fisco.

Per quali debiti è possibile richiederla?

È possibile richiedere la transazione fiscale per crediti erariali aventi natura chirografaria e quelli assistiti da privilegio.

L’art 182 ter l.f. include anche gli interessi relativi al tributo, l’indennità di mora, e le sanzioni amministrative conseguenti a violazioni tributarie.
Compresi quindi ad esempio: Irpef, Ires, Irap, Iva (questa nel caso in cui il ricorrente abbia denunciato tutti i crediti senza omettere parte dell’attivo e abbia fatto un proposta che porti ad una riscossione più vantaggiosa rispetto a quella fallimentare).
Esclusi ad esempio: Ici/Imu, Tarsu, Tares…

Quando può essere attivata la transazione fiscale?

  • in caso di concordato preventivo l’imprenditore deve poter essere qualificato come imprenditore commerciale o agricolo e sarà necessario allegare al ricorso la proposta formale di transazione fiscale;
  • in un accordo di ristrutturazione dei debiti l’imprenditore dovrà proporre la domanda all’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate competente territorialmente (si prende come riferimento l’ultimo domicilio fiscale e il competente Agente di riscossione.

Per provare la fattibilità dell’accordo proposto dall’imprenditore in entrambi i casi sarà necessario allegare tutti i documenti utili alla definizione della sua posizione fiscale.

Entro 30 giorni

  • l’Agenzia delle Entrate dovrà trasmettere all’imprenditore una certificazione che ne attesti il debito complessivo;
  • l’Agente di riscossione dovrà inviare all’imprenditore e all’Agenzia delle Entrate l’ammontare complessivo del debito comprensivo dei tributi, degli interessi e delle sanzioni.