Nuovo condono edilizio 2024

  • Categoria dell'articolo:Urbanistica
  • Tempo di lettura:2 minuti di lettura
Tutti gli illeciti che verranno commessi a partire dal 25 maggio 2024 non saranno invece condonati, con l’approvazione del “Decreto Salva casa”, il Ministro Salvini si è prefissato l’obiettivo di “liberare” gli appartamenti ostaggio di una normativa rigida che ne ostacola la commerciabilità e, talora, preclude l’accesso a mutui, sovvenzioni e contributi. Il decreto, si ricorda, interviene solo nelle casistiche di minore gravità, incidendo sulle cosiddette lievi difformità.
Le nuove disposizioni modificano la disciplina delle “tolleranze costruttive” limitatamente agli interventi realizzati entro il 24 maggio 2024, prevedendo la riparametrazione dei limiti tollerati in misura inversamente proporzionale alle dimensioni delle unità immobiliari.
Per gli interventi realizzati entro il 24 maggio 2024, costituiscono inoltre tolleranze esecutive condonabili anche il minore dimensionamento dell’edificio, la mancata realizzazione di elementi architettonici non strutturali, le irregolarità esecutive di muri esterni ed interni e la difforme ubicazione delle aperture interne, la difforme esecuzione di opere rientranti nella nozione di manutenzione ordinaria, gli errori progettuali corretti in cantiere e gli errori materiali di rappresentazione progettuale delle opere.
Il provvedimento prevede sanzioni che sono proporzionali all’aumento di valore che l’immobile ha guadagnato a seguito delle modifiche non autorizzate (come l’aggiunta di una stanza o la trasformazione di una veranda in spazio chiuso) e che potranno essere utilizzate, nella misura di 1/3, per progetti di recupero e rigenerazione urbana.

Più nello specifico, il costo per regolarizzare le difformità edilizie varierà da un minimo di mille euro fino a un tetto massimo di 30.984 euro. Inoltre, le sanzioni coprono solo le irregolarità parziali rispetto ai progetti originari depositati in Comune; le costruzioni realizzate in maniera completamente abusiva, ovvero senza alcun titolo edilizio, non sono sanabili.

Il decreto infine semplifica le procedure vigenti: è introdotto il regime di silenzio-assenso, principio particolarmente rilevante e che va nella direzione della massima semplificazione.