Integra il reato di sequestro di persona anche l’attività intimidatoria

  • Categoria dell'articolo:Diritto Penale
  • Tempo di lettura:1 minuti di lettura

Corte di Cassazione, sentenza n. 7962 del 19.02.2014

La Corte di Cassazione con la sentenza in esame ha precisato che affinché possa ritenersi integrato il delitto di sequestro di persona, non è richiesta necessariamente che la condizione limitativa imposta alla libertà di movimento sia obiettivamente insuperabile, essendo invece sufficiente che l’attività, anche meramente intimidatoria, o l’adozione di misure idonee ad impedire o scoraggiare l’allontanamento dai luoghi ove si intenda trattenere la vittima, sia tale da determinare la privazione della libertà fisica della stessa, tenuto conto delle sue specifiche capacità di reazione.