Per impedire la sosta di automobili spetta al condominio (attore) provare la proprietà dell’area

  • Post author:

Nell’actio negatoria servitutis l’attore deve dimostrare con ogni mezzo di prova, ed anche con presunzioni semplici, di possedere in forza di un titolo valido.

Questo è quanto emerge dalla recentissima decisione della Corte di Cassazione, sez. VI Civile, ordinanza n. 10543/20.

Gli Ermellini, nell’ambito di una controversia relativa all’impedimento della sosta di autoveicoli nella proprietà condominiale, hanno statuito che, per quanto nell’actio negatoria servitutis non sia richiesta la prova rigorosa della proprietà, essendo sufficiente che l’attore dimostri con mezzi di prova (anche con presunzioni semplici) di possedere in forza di un valido titolo, la proprietà vada comunque dimostrata, non bastando il generico richiamo al regolamento condominiale.