Via libera alla circolazione dell’auto con targa straniera non radiata dal PRA

  • Categoria dell'articolo:Diritto Civile
  • Tempo di lettura:1 minuti di lettura

Il ricorrente, società di trasporto, aveva immesso in circolazione una motrice con annesso rimorchio iscritto al P.R.A. con targhe e documenti intestati alla società stessa. Al momento dell’accertamento, però, i due mezzi risultavano muniti di targa polacca. Secondo l’autorità che ha provveduto a elevare la sanzione, si ravvisava l’ipotesi di circolazione di autoveicolo con targa non propria poiché diversa da quella che identificata. Secondo la società ricorrente, però, la violazione contestata non sarebbe stata ravvisabile poiché le targhe dei due veicoli erano regolarmente registrate e rilasciate dalla motorizzazione civile in Polonia e che si trovavano a viaggiare in Italia con un regolare contratto di noleggio temporaneo. Semmai, l’unico rimprovero possibile è quello di non aver tempestivamente comunicato al P.R.A. l’esportazione all’estero dei mezzi.