Reagisce all’aggressione con un pugno: le serie lesioni provocate non escludono la legittima difesa

  • Categoria dell'articolo:Attualità
  • Tempo di lettura:1 minuti di lettura

Non punibile la condotta del giovane che difende il fratello minorenne dalle minacce di tre persone. Irrilevante il fatto che il pugno dato, come reazione ad un pugno subito, dal giovane a uno degli aggressori abbia provocato a quest’ultimo serie lesioni. Scenario della vicenda oggetto del processo è la provincia ligure. Protagonisti sono un ragazzino minorenne, minacciato da tre persone, e il fratello, che lo ha difeso ricorrendo alla forza. Ricostruito l’episodio, il giovane viene assolto in Tribunale, nonostante le lesioni – giudicate guaribili in trenta giorni – arrecate a uno dei tre soggetti che avevano aggredito il fratello minorenne, che lui aveva prontamente difeso.