Giurisprudenza
Studio Legale Parenti

Diritto del Lavoro

Ammessa al rientro dalla Cig l'assegnazione del lavoratore a mansioni inferiori

Corte di Cassazione, sentenza n. 23926 del 25.11.2010

La Corte di Cassazione, con la sentenza in esame ha precisato che è legittima l'assegnazione a mansioni inferiori del lavoratore che rientra da un periodo di cassa integrazione se è l'unica strada per evitare il licenziamento. La disponibilità del dipendente alla continuazione del rapporto secondo le nuove condizioni, necessaria per la validità dell'operazione, può essere desunta anche dalla mancata reazione immediata al trasferimento al nuovo incarico. Per la Corte "il cosiddetto patto di dequalificazione, quale unico mezzo per conservare il posto di lavoro, costituisce non già una deroga all'art. 2103 del c.c., norma diretta alla regolamentazione dello ius variandi del datore di lavoro e, come tale, inderogabile secondo l'espresso disposto del comma secondo dello stesso articolo, bensì un adeguamento del contratto alla nuova situazione di fatto, sorretto dal consenso e dall'interesse del lavoratore; pertanto la validità del patto presuppone l'impossibilità sopravvenuta di assegnare mansioni equivalenti alle ultime esercitate e la manifestazione - sia pure in forma tacita - della disponibilità del lavoratore ad accettarle".

Desiderate assistenza legale online su questo argomento?

Altri risultati nella categoria Diritto del Lavoro

Diritto del Lavoro

Non può essere licenziato il dirigente che nel contratto ha sottoscritto un patto di durata minima garantita

Corte di Cassazione, sentenza n. 13355 del 12.06.2014

Diritto del Lavoro

L'impugnazione della cessione del ramo di azienda è diretta a tutelare le garanzie del lavoratore

Corte di Cassazione, sentenza n. 11832 del 27.05.2014

Diritto del Lavoro

Il mutamento del rito deve avvenire con un provvedimento del giudice

Corte di Cassazione, sentenza n. 5599 del 11.03.2014

Diritto del Lavoro

Ai fini pensionistici si calcola anche il lavoro svolto all'estero

Corte di Cassazione, sentenza n. 458 del 26.02.2014

Diritto del Lavoro

Spetta al giudice di merito verificare l'impossibilità di rimpiego del lavoratore

Corte di Cassazione, sentenza n. 3224 del 12.02.2014

Diritto del Lavoro

Il rito fornero

Corte di Cassazione, ordinanza n. 3838 del 18.02.2014

Diritto del Lavoro

Sull'indennità ex art. 32 della legge n. 183/2010 non spettano nè rivalutazione nè interessi legali

Corte di Cassazione, sentenza n. 3027 del 11.02.2014

Diritto del Lavoro

Non è licenziabile il dipendente che scarica ‘emule’

Corte di Cassazione, sentenza n. 26397 del 26.11.2013

Diritto del Lavoro

Il contrasto insanabile tra dispositivo e motivazione implica la nullità della pronuncia

Corte di Cassazione, sentenza n. 24534 del 30.10.2013

Diritto del Lavoro

E' legittimo il licenziamento di chi registra le conversazione dei colleghi a loro insaputa

Corte di Cassazione, sentenza n. 26143 del 21.11.2013

Diritto del Lavoro

Anche chi ha una bassa statura può ricoprire le mansioni di capo treno

Corte di Cassazione, sentenza n. 25734 del 15.11.2013

Diritto del Lavoro

Corte di Cassazione, sentenza n. 25069 del 7.11.2013

E' legittimo il licenziamento di un impiegato che durante l'orario di lavoro usa "in continuazione" il computer dell'ufficio per giocare

Pagina 1 di 10

torna indietro | torna in cima

 
Studio Legale Parenti tel. 063720108
home | contatti | mappa
Studio Legale Parenti